Hot Kettle è stato uno dei primi progetti di Nacho Carbonell dopo la sua laurea allla Design Academy Eind- hoven. In un primo tempo erano state realizzate delle versioni in ceramica e in diversi metalli.

Il disegno porta la cifra stilistica propria del lavoro di Nacho Carbonell visibile nell’ organicità delle sue forme e in una sorta di metamorfosi dell’ oggetto che da elemento inanimato sembra quasi assumere un carattere, un suo spirito, una sentimentalità che appartiene più al mondo degli esseri animati che degli oggetti.

Le caraffe qui esposte fanno parte della collezione “Transformation” realizzata da Nacho Carbonell in occasi- one della mostra Diversity curata insieme a Rossana Orlandi nel Palazzo Ferré a Milano.

In collaborazione con la ceramista olandese Marina Relou l’artista spagnolo ha sperimentato diverse tecniche di mutazione partendo dall’originale Hot Kettle in ceramica. Per la maggior parte i trattamenti sono stati di origine “naturale” facendo reagire la ceramica a prolungate esposizione al terriccio, all’acqua o applicando strati aggiuntivi di ceramica come fossero una seconda pelle.

Ognuno dei pezzi in mostra è di fatto un pezzo unico.

About Nacho Carbonell

Nacho Carbonell , nato in Spagna ma cresciuto professionalmente ad Eindhoven dove risiede è uno dei talenti più rappresentativi provenienti dalla Design Academy Eindhoven, all’epoca sotto la guida di Li Edelkoort.

Le opere di Nacho Carbonell investigano la nostra relazione con gli oggetti e i mobili che ci circondano, una relazione che lungi dall’essere conflittuale o meramente utilitaristica si sviluppa, attraverso una evidente an- tropomorfizzazione degli stessi che diventano come uno specchio delle nostre vite, delle nostre paure e delle nostre speranze. Rossana Orlandi ha presentato per la prima volta Nacho Carbonell a Milano nel 2008 e ha continuato negli anni a seguire la sua evoluzione attraverso la partecipazione ad importanti fiere internazion- ali come Design Miami e Art Basel. Opere di Nacho Carbonell sono ora nelle collezioni di presitgiosi musei e fondazioni come Art Institute di Chicago, SFMOMA di San Francisco, Centre National des Arts Plastique di Parigi e Groninger Museum in Olanda.